Che fine ha fatto Selen? In una recente intervista, Luce Caponegro (in arte Selen), ha dichiarato:

“Da giovane ero un cavallo pazzo, vivevo con irruenza le mie passioni senza considerare le conseguenze delle mie azioni e delle mie scelte. Oggi sono più riflessiva, anche se quando mi innamoro perdo lucidità”

spiegando così la sua vita, divisa nettamente in due periodi, quello della trasgressione e quello della maturità.
Luce Caponegro nasce a Roma nel 1966, in una ricca famiglia borghese. Lo spirito ribelle, ben presto, la mette in rotta di collisione con la famiglia e si trasferisce a Ravenna. A soli 18 anni, sposa Fabio Albonetti ed è lui a istradarla sulla via dell’hard, prima facendola esibire in alcuni night della città e poi, qualche anno dopo, facendole girare il suo primo film porno.
Gli anni ’90 la vedono grande protagonista: viene indicata dal pubblico come la pornostar preferita d’Italia e vince circa 17 premi .
Nel 1994 nasce persino la rivista erotica che porta il suo nome, “Selen” ed incide anche due dischi singoli di musica dance.
Nel 1999 l’attrice decide di abbandonare il mondo del porno. In seguito lavora nel mondo del cinema e debutta nel piccolo schermo come opinionista e ospite in diversi salotti televisivi. Nel 2005 partecipa anche al reality show “La fattoria“.

Nel 2006 dopo la nascita del secondo figlio decidi di abbandonare il mondo dello spettacolo per dedicarsi a lui e decide di tornare a vivere a Ravenna.
Torna a farsi vedere nel 2010 nelle vesti di DJ Selen, esibendosi nelle discoteche della riviera romagnola e incide anche un singolo dance di discreto successo.

In molti vi chiederete: “Che fine ha fatto Selen?”

Oggi Luce ha 50 anni e conduce una nuova vita nella sua Ravenna: ha aperto un centro estetico e di benessere.
In una lunga intervista al Corriere della Sera racconta il suo passato e spiega gli anni della ribellione giovanile e dei film hard:

“La mia era una bellezza naturale, oggi a 30 anni si sono rifatte di tutto… Oggi sono la donna che sono perché ho avuto quel passato. Da giovane ero un cavallo pazzo, vivevo con irruenza le mie passioni senza considerare le conseguenze delle mie azioni e delle mie scelte. Oggi sono più riflessiva, anche se quando mi innamoro perdo lucidità. Ai figli bisogna dare valori e ali. Io ho avuto solo valori dai miei genitori. Cercando di proteggermi mi hanno soffocata. Ero la classica brava ragazza che faceva danza e andava a cavallo. A mio padre gridavo ‘sporco capitalista’. Mi sono messa di traverso quando mi innamorai a 15 anni di una persona che ha deviato un’esistenza che sembrava già scritta. Appena maggiorenne lasciai tutto ciò che avevo, compresi i vestiti. Sono andata in giro per il mondo, India, Pakistan, autostop e sacchi a pelo. Quella storia durò 17 anni, diventò il mio agente nel porno. La molla fu la curiosità nei confronti della sessualità. C’era una componente di esibizionismo. Ho vissuto di estremi. Pensare che oggi è il contrario, il lasciarmi andare è un fatto eccezionale. Li ho conservati quei film, non li guardo mai. Non l’ho fatto per soldi ma come esperienza di vita.
Ho due splendidi figli che sono la mia gioia: Kangi ha 29 anni e mi sta per rendere nonna, e Gabriele (10 anni) che ha scoperto dagli amici la mia ex professione ma mi ha perdonato: “Ci sono rimasto male poi ho pensato che da giovani si fanno errori, tu sei meravigliosa e ti voglio bene così come sei”.
Tutt’altra soddisfazione, invece, in amore: due matrimoni falliti. Hanno sfruttato la mia fama, i miei soldi. Il padre di Gabriele si limita a dare un obolo di mantenimento che si è autoridotto contro la sentenza del giudice; il mio ultimo compagno mi ha chiesto un assegno a garanzia, per coprire un suo debito, e si è volatilizzato. Prima ancora il mio secondo marito è scomparso a un anno dalle nozze con una sua giovane allieva di yoga… C’è chi mi chiedeva di vedere i miei film mentre facevamo l’amore. Ma non ti basto io? Sono qua davanti a te.

Un cenno anche agli ex colleghi:

Rocco Siffredi? Era violento. Ho avuto un flirt con un attore porno turco, bellissimo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *