Finale di Italia ’90: una delle più noiose finali della storia dei Mondiali. L’equilibrio, che sembra portare ai calci di rigore, si rompe però al minuto 84 quando viene decretato un rigore dubbio a favore dei tedeschi. Andreas Brehme si incarica della battuta e segna l’1-0 per la Germania Ovest . I tedeschi vincono il mondiale per la terza volta nella loro storia. Andreas Brehme entra nella storia del calcio.

Brehme ha partecipato ai mondiali del 1986,1990 e 1994. Si è ritirato a 38 anni, nel 1998.
Dopo il ritiro ha allenato in Germania il Kaiserslautern dal 2000 al 2002. Dopo due stagioni di oblio ha allenato lo Unterhaching (una formazione minore) ma con scarsa fortuna. Dal luglio 2005 affianca come vice il suo ex allenatore Giovanni Trapattoni sulla panchina dello Stoccarda. Lascia il club solo 7 mesi dopo e da quel momento non si sa quasi più nulla del forte terzino.

In molti vi chiederete: “Che fine ha fatto Andreas Brehme?”

che fine ha fatto andreas brehmeOcchi spenti e sguardo assente, oggi Andreas Brehme, cinquantaquattrenne, è sommerso dai debiti. Nel corso degli anni avrebbe accumulato un debito di oltre 200mila euro e come se non bastasse, sulla casa grava un’ipoteca di 400 mila euro.

A raccontare il dramma dell’ex terzino è stato Franz Beckenbauer che in un’intervista pubblica ha chiesto aiuto alla federazione calcistica tedesca:

“Tutti noi abbiamo la responsabilità di venire in aiuto di Andreas Brehme. Ha dato tanto al calcio tedesco e grazie a un suo gol abbiamo vinto la nostra terza Coppa del Mondo. Il calcio teutonico deve ora restituirgli quello che ci ha dato”.

Per adesso nessuno ha aiutato davvero Brehme. L’unico a rispondere all’appello è stato Oliver Straube, ex giocatore di Norimberga e Amburgo, che ha proposto ad un Andreas lavoro nella sua azienda di pulizie:

“Siamo disposti ad assumere Andreas Brehme come assistente nella nostra ditta di pulizie e potrà lavare i bagni e sanitari così si renderà conto davvero cosa significa lavorare e qual è la vera vita. Ciò gli servirà anche a migliorare la sua immagine”.

Se lo dice lui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *